La triplice terapia nell’ipertensione arteriosa. L’innovazione terapeutica alla portata di tutti

Con il contributo non condizionante di

Inizio: 17-06-2021 - Fine: 20-06-2021

Chiusura iscrizioni: 17-06-2021


Formazione a distanza - Crediti ECM: 4.5


Ore previste: 3.00 – Posti disponibili: 362 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Cardiologia
Endocrinologia
Medicina interna
Nefrologia
Medicina generale (medici di famiglia)

~ Altro:
Altre professioni non sanitarie

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

RAZIONALE

L’ipertensione arteriosa rappresenta ancora oggi il principale fattore di rischio cardiovascolare e nel nostro Paese ci sono circa 16 milioni di pazienti ipertesi. Ictus, infarti ed insufficienze renali sono le principali complicanze portate dall’ipertensione arteriosa e si stima che l’incremento sarà esponenziale nei prossimi decenni. Quali sono le cause di questa “pandemia ipertensiva”? A fronte di numerose soluzioni terapeutiche l’aderenza è assai bassa, anzi migliorabile ed è uno degli obiettivi che la Società Italiana dell’ipertensione arteriosa si è posto. In realtà, negli ultimi anni questo dato è migliorato soprattutto grazie alle novità di “prassi terapeutica” evidenziate dalle ultime 2 Linee Guida dove si è sottolineata con forza l’importanza di un precoce utilizzo delle terapie di associazione prefissate.

L’utilizzo di queste, la loro varietà e la semplicità di utilizzo hanno portato negli ultimi 10 anni ad uno slancio propositivo nella cura dell’ipertensione arteriosa con dati in continua e costante crescita dell’aderenza terapeutica. È ormai ampiamente dimostrato che l’utilizzo delle terapie di associazione prefissate è una vera e propria innovazione terapeutica.

LA TRIPLICE ASSOCIAZIONE


La triplice associazione rappresenta oggi una terapia fondamentale nella cura dei pazienti ipertesi. Le recenti LG 2020 ISH/ESH ne danno grande risonanza in quanto con un’unica pastiglia riusciamo ad ottenere un ottimale controllo dei valori pressori e anche in un breve arco temporale. Inoltre, la possibilità di poter utilizzare diversi dosaggi la rendono un efficace e pratico strumento terapeutico.

Scheda del corso

Evento di formazione a distanza n. 321090
Provider AIRON ID 160
Crediti ECM n. 4,5
Durata dell’attività formativa stimata 3 ore

Scheda Faculty

Stefano Carugo
Università degli Studi di Milano - Dipartimento di Scienze Cliniche e di Comunità.
Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico - Dipartimento di Medicina Interna - UOC di Cardiologia, Milano

Claudio Ferri
Professore Ordinario in Medicina Interna, Università degli Studi dell’Aquila - Dipartimento MESVA, L’Aquila.
Direttore UOC Medicina Interna e Nefrologia, Ospedale San Salvatore, L’Aquila 

Claudio Pini
Responsabile Centro per la Diagnosi e Cura dell‘Ipertensione Arteriosa, ASST  LARIANA, Como

Programma scientifico

Data: 17 giugno 2021

Durata: 18.30 – 20.30

18.30-18.35 - Introduzione e apertura dei lavori Stefano Carugo
18.35-18.50 - L’ipertensione “the silent killer” Claudio Ferri
18.50-19.10 - Le nuove Linee Guida: quali novità Stefano Carugo
19.10-19.30 - L’aderenza terapeutica Claudio Pini
19.30-19.50 - La terapia antipertensiva Claudio Ferri
19.50-20.10 - La triplice terapia quali opportunità Claudio Pini
20.10-20.25 - Discussione panel Stefano Carugo, Claudio Ferri, Claudio Pini
20.25-20.30 - Conclusioni e take home messages Stefano Carugo

Programma scientifico