La cura delle ulcere nei pazienti affetti da Sclerosi Sistemica - SONO APERTE LE ISCRIZIONI

Inizio: 15-11-2021 - Fine: 31-05-2022

Chiusura iscrizioni: 31-05-2022


Formazione a distanza - Crediti ECM: 9.0


Ore previste: 6.00 – Posti disponibili: 82 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Infermiere:
Infermiere

Infermiere pediatrico:
Infermiere pediatrico

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

La Sclerosi Sistemica (SSc) è una malattia autoimmune, cronica e rara del tessuto connettivo caratterizzata da danno endoteliale e da fibrosi diffusa della cute e degli organi interni. Le ulcere (aree di perdita di integrità della cute) rappresentano una complicanza che interessa nel corso della storia di malattia circa la metà dei pazienti affetti da sclerosi sistemica. Le ulcere digitali sono principalmente la conseguenza dei fenomeni vascolari tipici della malattia (fenomeno di Raynaud e danno endoteliale) o della sua evoluzione fibrotica. Le ulcere in corso di SSc sono proteiformi sia per sede che per eziologia. Esse si localizzano principalmente a livello delle estremità laddove sono più evidenti i fenomeni vascolari periferici, a livello delle zone in cui la cute è maggiormente sottoposta a trazione (ad esempio i gomiti), oppure delle aree interessate da calcinosi. Le ulcere sclerodermiche possono inoltre dare luogo a complicanze infettive (osteomielite, sepsi dei tessuti molli circostanti) che nei casi più drammatici portano alla necrosi del tessuto locale con conseguente amputazione/auto-amputazione delle falangi digitali. Le lesioni sclerodermiche possono interessare qualsiasi parte del corpo, coinvolgendo la parte superficiale dell'epidermide fino agli strati più profondi, e si differenziano per la loro localizzazione, forma e colore; la caratteristica che le accomuna è il dolore, il quale aumenta con la profondità dell’ulcera e con l’eventuale presenza di infezione, impattando negativamente sulla sfera psicologica, relazionale e lavorativa dell’utente e, più in generale, sulla sua Qualità della Vita. È inoltre necessario considerare che spesso si tratta di popolazione in età lavorativa, e questo genera un grave impatto economico sull’intera Comunità. Per quanto le ulcere sclerodermiche possano ricordare lesioni presenti in altre patologie, esse hanno caratteristiche peculiari, per cui la prima valutazione deve essere sempre fatta da parte di uno specialista che si occupa di SSc e il successivo follow-up, laddove possibile, effettuato presso un ambulatorio dedicato. 

Il progetto formativo si pone l’obiettivo di formare i professionisti attraverso evidenze scientifiche, esperienze e pareri di esperti del settore, uniformandone il linguaggio e le competenze, in modo da adattarle a tutti i servizi assistenziali la presa in carico del paziente con ulcere sclerodermiche.

Al termine del percorso ogni partecipante avrà acquisito nozioni teorico-pratiche sulle ulcere e sarà in grado di valutarle, documentarle, selezionare il dispositivo, la metodica e la tempistica più idonee per il trattamento, oltre a riconoscere tempestivamente segni clinici di complicanze.

Al discente verranno inoltre forniti strumenti per un ottimale e sicuro governo clinico del percorso del paziente con lesioni sclerodermiche, sulla base di modalità relazionali e organizzative efficaci con il team multidisciplinare, con il caregiver e con il paziente stesso, in modo che quest’ultimo possa affrontare la malattia con la giusta consapevolezza e preparazione.

Scheda del corso

Evento di formazione a distanza n. 326522
Provider AIRON ID 160
Crediti ECM n. 9,0
Durata dell’attività formativa stimata 6 ore

Scheda Faculty

Marco Matucci Cerinic
Professore Ordinario, Direttore Scuola di Specializzazione Reumatologia, Università degli Studi di Firenze

Fulvia Fanucci
Coordinatrice Infermieristica SODc Reumatologia, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Serena Guiducci
Professore Associato, Direttore SODc Reumatologia, Responsabile Scleroderma Unit, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Silvia Bellando Randone
Ricercatore tipo B, SODc Reumatologia, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Felice Galluccio
Dirigente Medico, SODc Reumatologia, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Tiziana Pucci
Infermiere Ds Specializzata in wound care, SODc Reumatologia, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Claudia Fantauzzo
Infermiere Specializzata in wound care, SODc Reumatologia, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Maria Ramona Melis
Infermiere Dottorando, SODc Reumatologia, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Khadija El Aoufy
Infermiere Dottorando, SODc Reumatologia, Azienda Ospedaliera Careggi, Università degli Studi di Firenze

Programma scientifico