LA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE PER UNA PREVENZIONE CONSAPEVOLE

Con il contributo non condizionante di

Inizio: 01-07-2024 - Fine: 30-06-2025

Chiusura iscrizioni: 30-06-2025


Formazione a distanza - Crediti ECM: 1.5


Ore previste: 1.00 – Posti disponibili: 4984 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Pediatria
Medicina generale (medici di famiglia)

Farmacista:
Farmacista pubblico del SSN
Farmacista territoriale

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

L'influenza stagionale rappresenta una minaccia significativa per la salute pubblica, con il potenziale di causare gravi complicazioni, associati ad un notevole impatto socio - economico. La vaccinazione antinfluenzale rimane uno degli strumenti più efficaci per prevenire la diffusione della malattia e mitigare il suo impatto sulla salute.

Le prossime stagioni influenzali potrebbero essere più aggressive ma, al tempo stesso, più controllabili dalla vaccinazione.

Di fronte a nuove sfide, ci sono nuove consapevolezze di prevenzione: basta attuarle.

Scheda del corso

Evento di formazione a distanza n. 414340
Provider AIRON ID 160
Crediti ECM n. 1,5
Durata dell’attività formativa stimata 1 ora

Scheda Faculty

Roberta Siliquini

Specialista in Medicina Preventiva, Torino


 

Antonio D’Avino

Specialista in Pediatria, Napoli


 

Alessandro Rossi

Medico di Medicina Generale, Narni



Andrea Mandelli

Farmacista, Monza



Francesco Facchini

Giornalista, Milano

Programma scientifico

Modulo 1.

Il ruolo del counseling, essenziale nell’ottimizzazione della strategia della vaccinazione antinfluenzale

Relatori: Roberta Siliquini, Alessandro Rossi, Andrea Mandelli, Antonio D’Avino

Moderatore: Francesco Facchini

  • Qual è il ruolo del counselling?
    Esplorare l'importanza di una comunicazione efficace nel dialogo sull'importanza della vaccinazione antinfluenzale.
  • Come gestire resistenze e preconcetti?
    Proporre approcci ‘personalizzati’ per superare eventuali resistenze e promuovere la comprensione dei benefici della vaccinazione.
  • Quale potrebbe essere lo ‘storytelling’?
    Portare se stessi come esempio può contribuire ad abbandonare miti e preconcetti, favorendo un atteggiamento di fiducia nei confronti della vaccinazione.
  • Qual è il tono di comunicazione più efficace?
    L’operatore sanitario è fonte di informazione corretta e diretta. Allo stesso tempo, l’empatia nel counselling è un fattore cruciale per convincere la persona che si ha di fronte.

 

Modulo 2.

Vaccinazione antinfluenzale nelle popolazioni fragili

Relatori: Roberta Siliquini, Alessandro Rossi, Antonio D’Avino, Andrea Mandelli

Moderatore: Francesco Facchini

  • Quali fattori impattano maggiormente sul decorso dell’influenza?
    L’età avanzata del soggetto, immunocompromessi e le malattie croniche possono comportare un maggior rischio di influenza più grave.
  • Strategie vaccinali mirate
    Applicare strategie mirate e personalizzate nell’ottica dell’immunizzazione di comunità per proteggere le popolazioni a rischio più elevato.
  • Quale ruolo può avere un approccio multidisciplinare?
    La collaborazione tra medici e farmacisti favorisce una copertura più ampia a favore delle popolazioni fragili.
  • La vaccinazione contro l’influenza è raccomandata anche nei bambini, adolescenti e nelle donne in gravidanza?
    La vaccinazione può essere effettuata dai 6 mesi d’età e quindi in tutta la popolazione scolastica
    Nella donna in gravidanza avviene il trasferimento di anticorpi mediante placenta

 

Modulo 3.

Vaccinazione antinfluenzale nella popolazione generale

Relatori: Roberta Siliquini, Alessandro Rossi, Andrea Mandelli, Antonio D’Avino

Moderatore: Francesco Facchini

  • Qual è la propensione a vaccinarsi?
    Persone già vaccinate negli anni precedenti vs soggetti che affrontano il vaccino antinfluenzale per la prima volta.
  • Qual è la percezione del rischio di ammalarsi?
    La situazione pre- e post- COVID
  • Quali possono essere le motivazioni da esporre ad una persona che si chiede: perché vaccinarmi se sono sano?
    La responsabilità sociale, il controllo della propria salute per poter svolgere il ruolo di caregiver, non dover rinunciare alle attività personali e lavorative, l’impatto della pandemia, l’urbanizzazione, etc.
  • Come identificare e riconoscere le persone ‘sane’ predisposte a considerare la vaccinazione?
    La conoscenza della persona e del suo contesto sociale è un indicatore principale, per questo motivo è così importante l’approccio proattivo dell’operatore sanitario del territorio.

 

Modulo 4.

Governance e strategia vaccinale

Relatori: Roberta Siliquini, Alessandro Rossi, Andrea Mandelli, Antonio D’Avino

Moderatore: Francesco Facchini

  • Cosa prevede il piano nazionale di prevenzione riguarda la vaccinazione antinfluenzale?
    La vaccinazione come strumento di salute pubblica
  • Qual è l’impatto dell’influenza sulla persona?
    Le conseguenze dell’influenza sullo stato psico-fisico della persona e sugli impegni personali e di lavoro
  • Il ruolo dell’educazione e informazione della popolazione
    Condividere la necessità di educare continuamente la popolazione sana promuovendo la campagna vaccinale e condividendo aggiornamenti relativi alla vaccinazione antinfluenzale.
  • Come organizzarsi per affrontare la campagna vaccinale?
    Tre punti per essere efficaci e rapidi nel counselling, nella preparazione e somministrazione del vaccino